Cerca
Close this search box.

Book Review: Il futuro raccontato dalle piante

Edito da Longanesi e scritto da Barbara Mazzolai

Lo scorso 21 novembre si celebrava la Giornata internazionale degli Alberi. Sui circuiti televisivi internazionali passavano immagini di donne e uomini abbracciati ad alberi. Il pensiero corre immediatamente a qualche serie televisiva a sfondo psicomaniacale. È la nostra superficialità e distrazione, eventualmente, a trascinarci su questi versanti. Si tratta invece della silvoterapia e l’abbraccio dell’albero è il gesto più evidente e romantico, aiuta mente e corpo. Se questo gesto può essere irrazionale e dettato da uno slancio momentaneo, Barbara Mazzolai con la sua nuova fatica editoriale: “Il futuro raccontato dalle piante” ci spiega perché razionalmente le piante rappresentano tanto nella nostra esistenza e perché abbracciarle significa ripagarle con una minima riconoscenza.Leggendo queste pagine, si immagina che le piante potrebbero fare parte a pieno titolo del nostro valoroso gruppo di scienziati in IIT considerando solo, per esempio, l’invenzione della produzione di energia pulita: la fotosintesi che trasforma l’anidride carbonica in ossigeno. “Il futuro raccontato dalle piante” ci offre tanti spunti di meditazione e ci invita a considerare il mondo che sta sotto i nostri piedi che solitamente calpestiamo ignari.Camminando lungo il sentiero di un bosco con la mentalità dell’uomo tecnologico, calcoliamo i tempi di percorrenza consumo di energie e consultiamo il Caronte che ci indica la strada dal telefonino riducendo le nostre ansie da carenze d’orientamento. Se ci fermiamo un attimo e osserviamo sopra e sotto le nostre teste, dopo aver letto il libro di Barbara, possiamo capire perché il nostro futuro sarà sempre più dipendente dalle piante e dalla tanto vituperata Natura. Si parla tanto, purtroppo, in questi giorni difficili, di respiro, della capacità dei nostri organi vitali di superare grazie ai vaccini la morsa letale del virus. Noi, l’umanità, possediamo dei “respiratori” naturali che mai come in questa improvvisa parentesi del nostro inarrestabile progresso, devono essere osservati, rispettati e replicati, come ricorda Mazzolai anche dai “robot amici del pianeta”.L’acceso dibattito sul presunto dualismo tra insegnamenti classici, quello storico in particolare, e formazione scientifica trova ne “Il futuro raccontato dalle piante” un’esemplificazione eclatante: la grande bellezza della natura che si replica attraverso la tecnologia.Insegniamo e impariamo la storia, ci mancherebbe, ma adottiamo anche i libri di Barbara. Forniremo un assist culturale formidabile agli studenti e a tutti coloro che hanno ancora voglia di sapere.___Titolo: Il futuro raccontato dalle pianteAutore: Barbara MazzolaiEditore: LonganesiAnno edizione: 2021Pagine: 224

Condividi